Breve sintesi della Giornata "Partenopea"

Amato de Paulis    

Molteplici discipline mediche si sono, come Ŕ noto, tradizionalmente
occupate di diagnosi e terapia del Lupus Eritematoso Sistemico. In realtÓ,
il cosiddetto "Arcobaleno Lupico" Ŕ espressione  di una identitÓ patologica
complessa, di interesse multidisciplinare, al cui approccio
diagnostico-terapeutico Ŕ doveroso collaborino, in stretta sintonia,
diversi specialisti, quali l'immunologo clinico, il dermatologo, il
reumatologo, il nefrologo, il neurologo ecc. L'opportunitÓ di una costante
collaborazione tra specialisti che seguono il paziente nei vari momenti
evolutivi della malattia, con conseguente attivazione di interventi
diagnostico-terapeutici di larga efficacia nel controllo della patologia
lupica, Ŕ stata chiaramente sottolineata nel corso del Convegno "Il LES
alle soglie del Terzo Millennio" tenutosi a Napoli il giorno 29 Maggio1999
presso la Cattedra di Immunologia Clinica diretta dal Prof. Gianni Marone.
Il Prof. Marone, Presidente della SocietÓ Italiana di Allergologia e
Immunologia Clinica e dellIFIS (Italian Federation of Immunological
Societies), durante il suo discorso introduttivo, ha illustrato ai numerosi
pazienti, convenuti da pi¨ parti d'Italia, l'importanza dell'approccio
multidisciplinare coordinato, nella strategia del III millennio nel
trattamento delle varie forme di LES. In effetti, presso la Divisione di
Immunologia Clinica dell'UniversitÓ di Napoli Federico II, da molti anni
viene perseguita una strategia multidisciplinare utilizzando competenze
specialistiche diverse e la uniformitÓ Ŕ assicurata dalla applicazione di
protocolli comuni, che garantiscono unitarietÓ di indirizzi diagnostici,
terapeutici e di "follow up".
Nel prosieguo del Convegno si sono succedute comunicazioni di elevato
contenuto scientifico. Il Prof. Fabio Ayala, Professore Ordinario di
Dermatologia presso l'UniversitÓ di Napoli Federico II, ha trattato il tema
dei molteplici e variegati aspetti dell'interessamento cutaneo in corso di
LES. La casistica personale, corredata da un'ampia documentazione
iconografica, ha posto l'accento sull'importanza della diagnosi
differenziale tra patologie cutanee diverse da quella lupica che possono
presentarsi con aspetti analoghi. Il Prof. Ayala ha inoltre presentato
diversi quadri di Lupus a prevalente espressione cutanea parzialmente
regrediti dopo specifico trattamento.
Successivamente, il Dott. Massimo Triggiani ha illustrato gli aspetti
biochimici ed immunologici della sindrome da anticorpi anti-fosfolipidi,
una forma clinica caratterizzata da interruzioni ripetute di gravidanza,
tromboflebiti ricorrenti e riduzione del numero di piastrine circolanti.
Questa sindrome eterogenea si associa in una significativa percentuale di
casi al LES. I sintomi clinici di questa sindrome sono dovuti alla presenza
in circolo di anticorpi diretti contro un complesso costituito da una
proteina ($2 glicoproteina I) ed alcuni fosfolipidi. Il gruppo del Dr.
Triggiani ha recentemente identificato un importante fosfolipide, il
bis-monoacilglicerofosfato che costituisce la molecola bersaglio, in vivo,
della sindrome da anticorpi antifosfolipidi. Attualmente la terapia della
sindrome da anticorpi anti-fosfolipidi Ŕ basata sull'uso di farmaci
antiaggreganti e, nei casi pi¨ gravi, di anticoagulanti. L'ultima relazione
Ŕ stata tenuta dal Prof. Marone che ha trattato l'argomento dei nuovi
farmaci immunosoppressori nella terapia del LES. Sono state analizzate, in
particolare, le nuove proposte terapeutiche dei farmaci interagenti con le
immunofilline. La Ciclosporina A, il Tacrolimus o FK-506 ed il Sirolimus o
Rapamicina appaiono prospettare significative aspettative nel controllo dei
pazienti affetti da LES per la capacitÓ di coniugare gli effetti
anti-infiammatorio ed immunosoppressivo. Il Prof. Marone ha mostrato i
risultati sperimentali, ottenuti presso i laboratori di ricerca della
Cattedra di Immunologia Clinica ed Allergologia dell'UniversitÓ Federico II
di Napoli, dal Dr. Amato de Paulis e da altri collaboratori, ed ha spiegato
il razionale terapeutico di questa nuova classe di farmaci.
Il convegno si Ŕ concluso con una tavola rotonda dove i Professori
Alessandro Filla, Arturo Genovese, Amato de Paulis e Raffaele Scarpa hanno
discusso con i pazienti rispondendo in maniera esauriente ai numerosi ed
interessanti quesiti formulati, con l'augurio che questi utili "Incontri
Medico-Paziente", giunti alla seconda edizione, abbiano a ripetersi nei
prossimi anni.

Dr. Amato de Paulis mail.gif (523 byte) Cattedra di Immunologia Clinica e Allergologia, UniversitÓ di Napoli Federico II, Via S. Pansini 5, 80131 Napoli. Tel 081/7462219.